Primo concerto stagione 2017

Domenica 29 gennaio presso la nostra sede di Abbiategrasso ci sarà il primo concerto della stagione 2017.

Vi aspetto numerosi!!!!

Vi ricordo che tutti i nostri concerti sono gratuiti e dedicati al nostro pubblico, soci e amici.

image1.PNG

Annunci

Concerto alla scuola Lonjia

Foto 21-12-16, 22 58 02.jpg

Dopo solo qualche mese di lavoro siamo riusciti ad organizzare un magnifico concertino alla scuola Lonjia di Via Paolo Sarpi, dove da quest’anno ho preso la direzione musicale. Riconosco che non è facile riuscire a portare la nostra cultura musicale europea e le nostre tradizioni verso un popolo che ha diverse sensibilità, ma la cosa positiva è la voglia che hanno di imparare e migliorare, loro accolgono e non rifiutano, noi talvolta parliamo e diamo giudizi senza ascoltare e nemmeno sapere. Sono quindi soddisfatto delle mie domeniche e giornate che quest’anno ho riservato per loro. Presto salirà anche la qualità e ci saranno nuovi appuntamenti, magari qualcuno dei nostri ha voglia di venire a fare un giro, serve sempre….. solo quando non abbiamo più qualcosa o qualcuno ne riconosciamo il vero valore.

Foto 21-12-16, 22 57 33.jpg

 

 

 

masterclass e concerto Napoli

I giorni dal 3 al 6 settembre hanno visto impegnati alcuni nostri ragazzi in una tre giorni di lezioni e concerto, invitati da Progetto Piano di Napoli, dove i titolari  Alberto e Maria Rosaria Napolitano hanno messo a disposizione l’Auditorium dedicato al grande pianista Aldo Ciccolini, abbiamo suonato su un pianoforte a coda Bohemia scelto proprio dal grande Maestro, strumento di grande qualità e bella sonorità. Ancora una volta si è potuto vedere come il nostro ruolo di interpreti sia importante: il compositore ci lascia un messaggio, esprimendosi con i simboli della musica e  noi dobbiamo trasformare in parole, ci trasmette uno stile, che noi dobbiamo conoscere e trasmettere, ci da una forma, noi dobbiamo conoscere la sua origine, struttura e rispettarne i canoni. Questo è stato il lavoro che abbiamo fatto in questi pochi ma utili giorni, il risultato è stato positivo, durante il concerto abbiamo potuto sentire tutte queste cose, che per me sono fondamentali per fare musica, lontano da esibizionismo e ricerca della sola perfezione.Bravi ragazzi! Sono consapevole che si deve migliorare molto dal punto di vista emotivo e di gestione della propria esecuzione, ma queste occasioni servono proprio per questo. Io so che col lavoro il meccanismo e la precisione si mettono a posto, ma lo stile il gusto musicale che abbiamo dentro è un dono diverso e non si può copiare, talvolta è il maestro particolare che lo trasmette all’allievo “che lo sa ascoltare, recepire e portare avanti”.Tra qualche settimana riprenderà l’anno scolastico e sentiremo certamente bellissimi concerti . Per me queste attività sono complementari ai corsi e non un extra, sono la prova della maturità raggiunta, ci mettono nella condizione di studiare di più e di capire quanto ci piace la musica. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questi tre giorni, ricordare Napoli come una città piena di arte,cultura e storia, abbiamo visitato il Conservatorio e scoperto che è il più antico d’Europa, e secondo me il più bello, sono passati grandi musicisti italiani come Scarlatti, Paisiello, Mercadante e molti altri che con le loro opere hanno fatto e fanno ancora oggi “cantare” il mondo intero.

Arrivederci a presto!

img_0100

Masterclass Norcia 

Il 7 luglio si è conclusa un’altra grande esperienza che l’associazione Pianotime ha permesso ai suoi studenti di affrontare, la masterclass di perfezionamento pianistico a Norcia.

Si è trattato di un ritiro intensivo della durata di quattro giorni che ha permesso a noi, studenti di ogni età, di approfondire e perfezionare brani di repertorio e di fare pratica di esecuzione in pubblico. Immersi nella pacifica atmosfera dei colli umbri, in un paesino raccolto e tranquillo, abbiamo avuto l’occasione di concentrare le nostre menti sullo studio di alcuni brani che già avevamo imparato durante l’anno e di svilupparli ulteriormente approfondendo i suoni, la musicalità e l’espressione. Personalmente trovo che la lontananza da qualunque possibile distrazione in cui incorriamo durante l’anno, come possono essere i compiti per scuola, i mille impegni che costellano le nostre agende et cetera, mi abbia permesso di dedicarmi completamente alla musica senza che questo mi pesasse. È incredibile come nel giusto contesto siamo in grado di studiare per ore senza avere la mente stanca e provata.

E non si è trattato solo di avere la possibilità di avere miglioramenti immediati e studiare in modo più mirato – cosa permessa dalle lezioni frequenti -, ma anche di confrontarsi col pubblico e mettere alla prova quanto appreso. I due concerti a cui abbiamo partecipato sono avvenuti in sere consecutive, permettendoci di correggere atteggiamenti e pensieri e di migliorarci nell’immediato; sono stati estremamente soddisfacenti e ci hanno offerto un ottimo riscontro. Dopo le esperienze dei concorsi di quest’anno, incontrare persone che sanno apprezzare la musica per quello che è, – emozione e comunicazione e poesia – e non solo sotto l’aspetto tecnico esecutivo è stato meraviglioso.

Oltre a questo, è stata un’esperienza che ci ha permesso di stringere nuove amicizie con alcuni alunni che hanno iniziato a suonare recentemente e a consolidare i rapporti con le persone che conosciamo da molto tempo. E sono lieta che la musica mi abbia permesso di incontrare ragazzi e bambini così diversi, con così tanto da dire, accomunati da questa bellissima passione.

Per riassumere, un’esperienza ricca sia dal punto di vista sociale sia culturale che ci ha permesso un ulteriore sviluppo in questo lungo cammino che è la nostra crescita personale. Ringrazio di cuore tutte le persone che mi hanno permesso di vivere quest’opportunità al pieno e consiglio vivamente a chiunque sia curioso di cogliere le prossime occasioni!